Aum Amma e l’ultimo giorno a Tiruvannamalai

aum amma

aum amma

Tiruvannamalai, Tamil Nadu

Mentre facevo il girivalam il giorno del festival tra i vari cartelloni pubblicitari uno aveva attirato la mia attenzione, parlava di una santa che viveva in un villaggio poco fuori Tiruvannamalai e la descriveva come una dea vivente, alla quale appariva il simbolo Aum sulla fronte. Mi sono informato poi su internet ( c’e’ anche un sito a lei dedicato ) e con una buona dose di scetticismo ho deciso di andare a vedere questo dharshan, che si tiene ogni domenica mattina. D’altronde all’inizio di questo viaggio avevo citato Paul Brunton, e lui un’occasione come questa non se la sarebbe fatta sfuggire. Poi di cose strane ne ho viste gia’ parecchie, una in piu’ non poteva certo farmi male.

Questo dharshan e’ abbastanza pittoresco, con tanto di suonatori di flauto e di armonium, e potrebbe far sorridere piu’ di qualche occidentale che non conosce l’India. La santa appare in trance e viene tutta inghirlandata di corone di fiori, quindi i devoti fanno la fila per ottenere la sua benedizione. C’e poca gente, la maggior parte sono ferventi devoti di Aum Amma, molti occidentali. Forse in queste occasioni ci si aspetta qualche miracolo o un’illuminazione improvvisa, ma non e’ accaduto nulla di tutto cio’, anche se effettivamente il simbolo Aum l’ho visto e mi pare ci sia anche in una foto. Me ne sono andato via quindi molto tranquillo e comunque il mio giudizio su Aum Amma e’ positivo, penso sia realmente una santa, e come tale e’ difficile da comprendere. Nessuno mi ha chiesto niente e non c’era nulla in vendita, e questo sicuramente ha rafforzato la mia opinione positiva.

aum amma

Oggi e’ il mio ultimo giorno qui a Tiruvannamalai, e l’ho passato ciondolando un po’ tra i miei luoghi preferiti aspettando l’accensione del Deepam serale ( la fiaccola viene accesa ogni sera per altre 4 volte dopo il festival ). Da un lato sono contento di ripartire, sono in viaggio e quindi guardo spesso avanti alle prossime destinazioni, ma e’ anche vero che qui avevo trovato un certo equilibrio e una certa serenita’ interiore e quindi mi dispiace un po’ lasciare la citta’. In ogni caso sara’ un bel flash arrivare a Kathmandu, una citta’ per certi versi molto spirituale ma certo diversissima da Tiruvannamalai.

Arunachala Shiva!!