Allahabad

allahabad

sangam, allahabad

Khajuraho, Madhya Pradesh

Allahabad, lo ammetto, mi ha un po’ deluso, anche se e’ una citta’ abbastanza bella e piena di vita. Arrivato con in mente l’immagine del Kumbh Mela, delle processioni dei naga baba nudi, dei santoni, dei milioni di pellegrini che si bagnano al Sangam ( la confluenza tra i due fiumi sacri Yamuna e Ganga ) mi sono invece ritrovato in una citta’ molto moderna ( certo anche qui c’e’ il “chowk”, la zona povera e degradata, ma per quel poco che ho visto mi e’ sembrata meno misera di altre ), dove il tenore di vita medio e’ sicuramente molto alto rispetto alla media indiana e dove la spiritualita’ ed il misticismo sembrano cose ormai appartenenti ad un passato lontano. E devo ammettere che non c’e’ un’atmosfera mistica nemmeno al Sangam, dove purtroppo c’e’ l’assalto al turista stupido al quale tutti cercano di spillare piu’ soldi possibile ( ma io ho pagato solo il giusto per la barca e non ho esitato a mandare affanculo un bramino che voleva 300 rupie per non so quale rituale ). Avrei voluto fare anche il bagno ma la gente attorno non mi piaceva per nulla e la situazione era davvero poco “spirituale”, quindi ho rinunciato e mi sono fatto portare subito a riva. In tutta la zona ci sono tantissimi mendicanti di ogni tipo, ed e’ davvero difficile rimanere indifferenti davanti a queste persone spesso molto malate che nessuno aiuta o vuole aiutare, se non con l’elemosina di una o due rupie. Io fin dal primo viaggio in India ho deciso di non fare mai l’elemosina a nessuno, non credo che questi mendicanti si possano aiutare in questo modo. Preferisco invece, quando me la sento, lasciare qualcosa alle mense gratuite, agli ashram seri o agli ospedali no-profit. Prima o poi gli indiani dovranno capire che questi uomini non sono degli “intoccabili”, ma persone che vanno aiutate e non con una ridicola elemosina, ma con medici e ospedali che funzionano e che curano TUTTI gratuitamente, con associazioni che tolgono i bambini dalle strade e aiutano le donne in difficolta’ ( soprattutto le vedove, ancora oggi fortemente discriminate ) e con leggi serie che favoriscano le classi piu’ deboli. Se l’India non risolvera’ questo problema, in gran parte culturale, rimarra’ sempre e comunque un paese del terzo mondo, anche se la sua crescita economica dovesse dimostrare il contrario.

Ad Allahabad c’e’ anche un “vero” centro commerciale, con McDonald’s, negozi della Levi’s e gioiellerie, caffetteria con caffe’ espresso e cappuccino e supermarket a 3 piani. Quest’ultimo, benche’ non sia molto grande ( da noi sarebbe un supermercato medio-piccolo ) impiega, e non scherzo, almeno 100 persone!! Ci sono almeno 10 addetti alla sicurezza con tanto di metal detector, commessi pronti a scattare al minimo gesto ogni 3 metri e un numero spropositato di commesse, aiuto-commesse e garzoni che ti riempiono le buste della spesa. Da noi un posto del genere avrebbe massimo 10 dipendenti, ma proprio volendo esagerare.

allahabad

In questo periodo in India si sta per festeggiare il Diwali ( una specie di Natale indu’ ), c’e’ una bella atmosfera di festa e le strade sono tutte illuminate dalle luminarie. Purtroppo pero’ la gente qui non mi e’ sembrata granche’amichevole e anzi due coglioni di un’agenzia di viaggio mi hanno anche fregato 100 rupie ( neanche 2 euro ). In realta’ dei soldi non me ne puo’ fregare di meno, ma mi ha dato molto fastidio perdere tutto il giorno e rischiare di dover rimanere un altro giorno in citta’ quando avevo gia’ deciso di andarmene. Per fortuna in serata sono comunque riuscito a fare il biglietto e quindi domani dovrei raggiungere Satna e quindi Khajuraho.

Allahabad me l’aspettavo anche abbastanza turistica, visto che comunque ogni guida sull’India del Nord che si rispetti parla del Kumbh Mela e cita il Sangam di Allahabad come una tappa imperdibile nell’Uttar Pradesh. Anche qui invece turisti zero e, anche se meno che a Lucknow, molti sguardi stralunati.

OM NAMASHIVAYA!