-12

Ormai ci siamo quasi!
Ancora pochi giorni e potrò finalmente mettere i piedi sul suolo indiano. Resta solo da mettere a punto qualche ultimo dettaglio, andare a ritirare il passaporto col visto, fare lo zaino e andare quindi a Venezia a prendere l’aereo!
Sono piuttosto eccitato e non nascondo c’è anche un po’ di tensione, sono più di 10 anni che non faccio un viaggio di questo genere e non so bene cosa aspettarmi , ma preferisco farmi guidare dall’ispirazione del momento.

india

sorgenti del gange

In questi giorni sto cercando tutte le info possibili in rete su Delhi ( dove comunque resterò un paio di giorni, non mi piacciono le metropoli indiane ) e sulle città dell’Uttarakhand, soprattutto Rishikesh ( prima tappa ), Uttarkashi ( seconda tappa e preparazione del trekking ) e Gangotri. In realtà non c’è molto e dovrò anche improvvisare un po’.
Il trekking dovrebbe durare 4/6 giorni e dovrebbe essere più o meno così:
1) Gangotri-Bojbhasa
2) Bojbhasa-sorgenti del Gange-Tapovan
3) giorno di relax a Tapovan oppure campo base del Kedar Dome
4) Kedar-Dome Tapovan oppure Tapovan-Nandavan
5) Nandavan-Bojbhasa e forse Gangotri se si riesce in un giorno
Per me questo è sì un trekking ma anche un pellegrinaggio alle sorgenti del Gange e l’occasione per vedere da vicino una delle montagne più belle del mondo, lo Shivling.

Ripetere il suo nome porta la purezza,
guardarlo assicura la prosperità,
bagnarsi nelle sue acque salva sette vite umane.
Non esiste pellegrinaggio paragonabile a quello del Gange.