L’itinerario

Quando si progetta viaggi lunghi e impegnativi come questo la cosa fondamentale è avere ben chiaro un itinerario da seguire. Poi a seconda delle situazioni e delle persone che si incontrano si può modificare anche di molto, ma è importante non abbandonarlo mai del tutto. Internet ha facilitato molto la preparazione di questi itinerari: ormai si trova tutto ciò che serve, dalle cartine dettagliatissime alle informazioni pratiche sui paesi, sugli hotel e sui mezzi di trasporto. E poi ci sono i vari utilissimi blog e forum dove puoi trovare notizie di prima mano da gente che viaggia come te. Per quanto mi riguarda l’era delle guide cartacee ( soprattutto la LP ) è finita da un pezzo, io mi porto dietro solo qualche stampa delle cartine e delle informazioni che realmente mi sono indispensabili.

Per arrivare dal Cairo a Cape Town ci sono un milione di rotte possibili, tutte piuttosto battute dai viaggiatori e dai backpackers, ma nessuna che in realtà possa considerarsi comoda o facile, a meno che non si prenoti quei viaggi overland organizzatissimi e costosissimi che in 2 mesi ti fanno fare tutto il viaggio con 2 o 3 jepponi dandoti la patente di avventuriero quando invece sei solo un semplice turista che si fa scarrozzare da guide e autisti. Io ovviamente userò come il solito solo mezzi locali e viaggierò facendo affidamento solo su me stesso.