Beira decadence

beira

beira

Inhambane, Moçambique

Fino ad un paio d’anni fa, o anche meno, viaggiare tra il nord e il sud del Mozambico durante la stagione umida era una cosa da veri avventurieri, le strade erano pessime e comunque c’era da attraversare l’imponente fiume Zambezi con un ferry malandato o con un barcone, cosa peraltro non sempre possibile. Le guide consigliavano quindi di fare un giro largo andando prima a Blantyre, in Malawi, quindi a Tete e a Chimoio, da dove c’erano strade in buone condizioni verso Beira e Maputo. Oggi invece in una quindicina di ore o poco piu’ puoi farti l’intero tragitto Nampula-Beira ( piu’ di mille chilometri ) in un comodissimo autobus deluxe con aria condizionata, le strade sono accettabili ( c’e’ solo un pezzo di sterrato prima di Mocuba ) e sullo Zambezi ora c’e’ il nuovissimo ponte di Caia inaugurato da pochi mesi.

Nell’ultima parte piove molto forte ma arriviamo comunque senza problemi a Beira, anche se dopo il tramonto, cosa che non riesco mai ad evitare. Anche questa citta’ come altre che ho visitato in Africa ha una pessima reputazione e molti sconsigliano addirittura di fermarsi o di girare di giorno, ma arrivo senza problemi all’hotel anche stavolta. Beira nei primi anni di vita era famosa per essere la citta’ dei fuorilegge e degli ubriaconi, con 80 bar per soli 4000 abitanti. Certamente quei tempi sono passati, ma anche oggi criminali ed ubriaconi non mancano, ed e’ meglio stare attenti ed evitare ogni possibile situazione pericolosa.

Questa e’ forse la citta’ piu’ squallida, degradata e decadente che abbia mai visto in tanti anni di viaggi, ma debbo ammettere che ha un suo “carattere” ben preciso ed e’ paradossalmente da un certo punto di vista anche affascinante. Il centro e’ una accozzaglia disordinata di edifici piu’ o meno abbandonati, costruiti con stili molto diversi tra loro, dal coloniale al piu’ orribile ex-urss. Sono tutti anneriti dalla terribile umidita’ che aleggia sulla citta’ per gran parte dell’anno. Camminare per le ampie “avenidas” o per le piu’ intime “ruas” di Beira e’ molto piacevole, ci sono bei cafe’ e ristoranti ( anche un paio di pizzerie ) e un’atmosfera rillassata che mi ricorda molto quella che ho trovato nel Centro Africa, malgrado la gente sia decisamente diversa e qui la sera non se sta rinchiusa in casa ma affolla bar e locali. Onestamente questa famosa vita notturna di Beira un po’ mi incuriosiva, ma senza qualcuno del posto il rischio era troppo alto, e anche lasciando tutto in albergo in posti come questi rischi di beccarti una coltellata anche per 5 o 10 euro.

beira

Per andare ad Inhambane ho scelto la stessa compagnia di autobus che ho usato per venire qui, sicuramente c’era qualcosa di piu’ economico ma onestamente mi sono stufato di sbattermi tra squallide stazioni di autobus africane tra mendicanti ed ubriaconi.

info utili

Bus da Nampula a Beira ( transportes oliveira, uffcio al distributore della galp vicino alla stazione di Nampula ) 15 ore, 1610 mc. A Beira mi sono fermato all’hotel Savoy, 400 mc una squallida singola.